Luc Ferrari: “Dialogue ordinaire avec la machine / Sexolidad”

Michele Coralli

Michele Coralli

Giornalista e scrittore, appassionato di musiche contemporanee, di solitudini marine e di paesaggi montani. Dirige e aggiorna altremusiche.it dal 2002.
Michele Coralli
Luc Ferrari: “Dialogue ordinaire avec la machine / Sexolidad” (CD Elica, MPO-4301, 2009)

Due mondi di Luc Ferrari a contatto. Il primo già esplicitato dal titolo: Dialogue ordinaire avec la machine, ovvero – da buon francese in bilico tra passione e razionalità – “come ci si avvicina alle macchine? Cosa ci dicono? Come si può far l’amore con una drum machine?”. A queste domande cercava una risposta Ferrari nel 1984 secondo procedure di raccolta materiali e relativo montaggio già teorizzate e realizzate da Schaeffer ed Henry tempo prima. Essendo il parigino – trapassato in quel di Arezzo nel 2005 – mente aperta e antidogmatica il risultato di questo dialogo quasi paradossale può forse incuriosire anche chi apprezza linguaggi di confine come in ambito avant-pop hanno fatto i Residents. E certe distanze non sembrano poi così remote se nel testo di Michel Musseau riusciamo a intravedere un quasi-rap.

Sexolidad (1982-83) è invece un brano strumentale per così dire “tradizionale”, per quanto lo può essere un autore che, dopo aver studiato con Alfred Cortot, Olivier Messiaen e Arthur Honegger, ha voltato le spalle ad ogni accademismo, serialismo in testa, per dedicarsi ad un percorso personale e non sempre in sintonia con l’alveo della musica colta.

2010 © altremusiche.it

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*