AUTOBAHN 8: «alfabetagamma FREE!»

Michele Coralli
Latest posts by Michele Coralli (see all)

Il free jazz è stata una delle esperienze musicali cruciali per tutto il Novecento e oltre. A partire dall’inizio degli anni ’60 un’intera generazione di musicisti afroamericani imprime uno slancio innovativo che ha attraversato non solo il mondo del jazz, ma anche l’intera società occidentale: prima negli Stati Uniti, poi in Europa e in Africa. Ed è proprio all’Africa che quel mondo guarda, con la speranza di imprimere un profondo rinnovamento culturale e democratico. Lo sguardo si allarga al punto da stimolare una koinè in tutti quei musicisti creativi e indicare loro una strada per sviluppare nuovi linguaggi e al tempo stesso riappropriarsi delle proprie radici. Questo Autobahn è dedicato a Roberto Masotti. (Michele Coralli)

[Radio Onda D’Urto, venerdì 29 aprile 2022]

Playlist

  • Linda e Sonny Sharrock: “Black Woman” (1969)
  • Ornette Coleman: “Lonely Woman” (1959)
  • Max Roach and Oscar Brown Jr.: “Driva’ Man” (1960)
  • Art Ensemble of Chicago & Fontella Bass: “Theme de YoYo” (1971)
  • Sun Ra & Arkestra: “Space is the Place / We Travel The Spaceways / Second Stop is Jupiter” (1984)
  • Steve Lacy & Saxophone Special Plus: “Staples” (1974)
  • Peter Brötzmann & Die Like a Dog: “Aoyana Crows” (2002)
  • Irene Schweizer: “Sisterhood of Spit” (1991)
  • Italian Instabile Orchestra: “La Mesa drive” (1996)
  • Ganelin, Chekasin, Tarasov Trio: impro (1976)
  • Brotherhood of Breathe: “Sonia” (1975)

8. «alfabetagamma FREE!»

[Radio Onda D’Urto, 29/04/2022]

LINK AL PODCAST!

torna all’indice di AUTOBAHN

Autobahn 8: Stati Uniti, Inghilterra, Germania, Svizzera, Italia, URSS, Sud Africa.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*