AUTOBAHN 4: «La città delle donne»

Michele Coralli
Latest posts by Michele Coralli (see all)

Un piccolo giro del mondo attraverso alcune voci femminili, quelle che, a nostro parere, hanno lasciato un segno indelebile nell’immaginario collettivo. Ma anche voci meno note che appartengono al nostro immaginario personale. Un viaggio globale che può aiutarci a capire che esistono tantissime qualità musicali, molto differenti dallo standard omologante della musica pop che ci circonda (Michele Coralli)

[Radio Onda D’Urto, venerdì 25 marzo 2022]

Playlist:

  • Diamanda Galas: “My Love Will Never Die” (1992)
  • Billie Holiday: “Strange Fruit” (live 1959)
  • Kate Bush: “Moving” (1978)
  • Li Shengsu: da “La concubina ubriaca” (2020)
  • Sainkho Namtchylak: “Khöömii”
  • Bulgarka Folk Trio: “Mari Stankou” (1985)
  • Giovanna Marini “L’eroe (ballata nuova)” (1974)
  • Cathy Berberian: “Stripsody” / “I Want To Hold Your Hand” (1966)
  • Marianne Faithfull: “As Tears Goes By” (1964-1987)
  • Ute Lemper: “Ballade von der sexuellen Hörigkeit” (1988)
  • Veronique Chalot: “Chant de la mer” (1979)
  • Violeta Parra: “Run Run se fue pa’l Norte” (1966)
  • Mercedes Sosa: “Todo cambia” (1985)
  • Joyce Silveira Moreno: “Corcovado” (1987)

4. «La città delle donne»

[Radio Onda D’Urto, 25/03/2022]

LINK AL PODCAST!

torna all’indice di AUTOBAHN

Autobahn 4: Stati Uniti, Inghilterra, Cina, Russia, Bulgaria, Italia, Germania, Francia, Cile, Argentina, Brasile.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*